Accetta i Cookie

 

Questo sito utilizza cookie anche di terzi per per migliorare la tua esperienza web o offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Storia

  • fondazione


Il 05 febbraio 1976 ha debuttato con il primo numero il nostro notiziario “Alpini Val dell’Agno”, firmato dall’allora direttore responsabile e colonnello degli alpini, Ottone Menato. A quel tempo era Presidente della sezione l’avvocato Nicolò Zamperetti. Trent’anni dopo, è stato bandito un concorso aperto a tutti, allo scopo di aggiornare la testata con una veste grafica moderna e che valorizzi la pubblicazione con colori e fantasia. La scelta finale ha premiato Roberta Piazza, giovane grafica valdagnese, che ha saputo magistralmente riassumere nella sua intuizione artistica i significati e i simboli cui noi alpini teniamo molto. Il primo numero completamente rinnovato apre così il 2007, 31° anno di pubblicazione del notiziario sezionale. Oltre a riassumere brevemente la piccola storia della nostra pubblicazione, è doveroso anche riportare alcune cose riprese dalle nostre memorie storiche; come la lettera di presentazione che proprio il Presidente Zamperetti scrisse per quel primo numero del 1976.


“Caro e fedele socio della nostra bella sezione, questo che leggi è il primo numero del nostro notiziario mensile, progettato a suo tempo e del quale certamente il capogruppo ti avrà parlato: Per vararlo abbiamo dovuto superare certi campi ... minati messi sul nostro cammino dalla non mai doma burocrazia. Alla fine ci siamo riusciti. Non badare alla sua modestia (la modestia del resto è la virtù dei forti) e pensa alla sua intrinseca qualità, che è quella di metterti periodicamente in contatto con noi. Vedrai che ti darà la soddisfatta sensazione di essere parte integrante di una famiglia di Alpini fondata sull'armonia e sul reciproco rispetto. Lo spazio, come vedi, è poco sicché le notizie saranno per forza sintetiche. Ad ogni modo ho fiducia che non ne rimarrai scontento, anche se forse speravi in qualcosa di meglio. Direttore Responsabile, nella sua qualità di Pubblicista iscritto all'Albo dei Giornalisti è il col. Ottone Menato che già dirige "Il nostro Campanile" e il "Notiziario del Gruppo Anziani Marzotto". Egli farà il modo di non eludere la tua aspettativa. Abbiamo potuto affrontare la non indifferente spesa che un periodico comporta, per il semplice fatto che l'on. Vittorio E. Marzotto, alpino lui pure e nostro gradito socio, ci ha generosamente concesso di usufruire dei servizi stampa della Manifattura Lane e, come se ciò non bastasse, ha aggiunto una somma in danaro liquido che ci permette di affrontare con meno affanno le spese dell'impianto, le quali, t'assicuro, non sono esigue. Non meravigliarti perciò se in seguito saremo costretti a chiedere anche a te il contributo che chiederemo a ciascuno degli altri 1083 soci iscritti. Ed ora basta, sennò il direttore Menato taglia l'articolo, d'altra parte sono io il primo ad essere convinto che in una comunità sociale non ci deve essere chi vuol prendersi la famosa parte del leone, specie se lo spazio è ristretto. Bene! Sono lieto di averti parlato ed ora stringiamoci cordialmente la mano”.
Il Presidente: Avv. Nicolò Giuseppe Zamperetti

Nel 1976 il nostro notiziario è uscito n. 10 volte, nel 1977 n. 10, nel 1978 n. 10, nel 1979 n. 10, nel 1980 n. 10, nel 1981 n. 9, nel 1982 n. 9, nel 1983 n. 9, nel 1984 n. 9, nel febbraio del 1985, dopo l'uscita del numero di gennaio, il Col. Ottone Menato lasciava l'incarico di Direttore responsabile. Il Notiziario riprende le pubblicazioni l'l1 giugno del 1985 con Direttore Responsabile Gianni Luigi Spagnolo, l'impaginazione di Mario Dal Lago e la spedizione di Francesco Abelli e sono stati pubblicati 9 numeri, nel 1986 n. 10, nel 1987 n. 9, nel 1988 n. 9, nel 1989 n. 9, nel 1990 n. 9. Tutti i numeri del nostro notiziario, dal 1976 al 1990 sono stati stampati nel centro stampa della Manifattura Lane Marzotto per un totale di circa 300.000 copie. Dal 1991 iniziava la stampa, in bianco e nero, nella Tipolitografia Cracco Luigi di Cereda di Comedo. Nel 1991 uscivano 6 numeri, nel 1992 n. 6, nel 1993 n. 6, nel 1994 n. 6. Con l'anno 1995 l’alpino Luigi Centomo subentra a G.L. Spagnolo nell’incarico di direttore responsabile. Nel 1995 il notiziario esce 6 volte, nel 1996 n. 7 volte e passa dalla stampa in bianco e nero al colore; nel 1997 n. 6 volte, nel 1998 n. 5 volte e dal 1999 al 2006 n. 5 volte all’anno. Dal 1991 alla fine del 2006 sono state stampate, nella Tipolitografia Cracco circa 320.000 copie.